3 Maggio, 2016

Storia e Geografia dell’isola di Rodi

Storia e Geografia dell’isola di Rodi

In questa pagina viene descritta quanto meglio possibile tutta la storia e geografia dell’isola di Rodi, appunto per la vostra vacanza non solo spiagge e divertimento ma  anche molta cultura e storia.

Storia e Geografia dell’isola di Rodi

Rodi, dal greco Ῥόδος (Rodos, pronuncia: Ròdhos), è la più grande delle isole del Dodecaneso e la più orientale delle maggiori  isole dell’Egeo; il versante sudorientale è bagnato dal Mar di Levante.

Storia e Geografia dell'isola di Rodi

Coprendo una superficie 1.398 km2 con una popolazione di 163.476 abitanti. Rodi era il capoluogo della prefettura del Dodecaneso, che includeva anche le vicine isole di Simi, Piscopi, Calchi e Castelrosso.A seguire tutta la Storia e Geografia dell’isola di Rodi.

LE STRADE SONO ASFALTATE E ILLUMINATE A RODI. QUINDI è FACILE GIRARLA SIA IN AUTO CHE IN SCOOTER.  SENZA PROBLEMI

Clicca qui per info su cosa fare a Rodi in Grecia, cosa visitare e vedere sull’isola, storia e info utili www.cosafarearodi.com

* I NOSTRI CONTATTI *

       



L’ORIGINE DEL NOME

Il nome deriva dal Greco antico ροδον (rhodon), che significava rosa (Ingreco moderno Triandafiglià – τριανταφυλλιά, “Trentapetali”), e ricorrente è la denominazione di Isola delle rose. La rosa è uno dei simboli di Rodi, frequentemente impresso sui conii delle monete. Non è comunque certa l’origine del nome, e coesistono teorie che lo collegano alla mitologia: Rodo era la ninfa figlia di Poseidone e di Anfitrite.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Altre figure rappresentative dell’isola sono il cervo, la cui statua domina il principale ingresso portuale, e di cui vari esemplari pascolano lungo i percorsi dei parchi delle mura, e l’Ibisco, onnipresente fiore che decora ville e giardini. Secondo leggende popolari furono i cervi, e non Forbante a liberare l’Isola dai serpenti.

photo credits Statis Christos

Questi nomi, per lo più dall’antichità classica, erano dati per le caratteristiche dell’isola, come i molti serpenti, per il bel cielo notturno, per la forma e l’altimetria dell’isola, per il nome dei suoi primi abitanti, e poi felice, marina, dal tempo bellissimo e dalla lussureggiante vegetazione.

Clicca qui per Sagre – Feste di piazza, festival cultura e folclore a Rodi in Grecia    www.cosafarearodi.com rodos

GEOGRAFIA FISICA DELL’ISOLA DI RODI

L’isola ha una forma romboidale con una lunghezza di 80 km e una larghezza di 38 km.Una catena montuosa che si sviluppa in senso longitudinale, divide l’isola in due parti con leggermente diverse condizioni climatiche. La costa est è quella prevalentemente più calda mentre la costa ovest è la più ventilata.

storia e geografia dell'isola di Rodi

Rodi, malgrado la presenza di pianure e di alcune vallate fertili e pittoriche vicino al litorale, è una delle isole più montuose del mare Egeo. Tuttavia, le montagne dell’isola non sono particolarmente alte, ad eccezione del monte Atàviro di 1.215 m dal livello del mare. Il nome del monte, di lingua preellenica, testimonia l’esistenza nelle isole di leggende e culti antichissimi, come quelle di Giove Ataviro e del leggendario re Altaimene.

Eleousa edificio italiano, sanatorio storia e geografia dell'isola di Rodi

Ad est del monte Atàviro, vicino al paese di Empona, Sàlaco e Apollona, sorge verdissimo il monte Profitis Ilias (Profeta Elia) alto 800 metri, che deve il suo nome al convento omonimo, dai versanti ombrosi interrorri da fonti cristalline, che ospitava i famosi cervi di Rodi, una delle caratteristiche dell’isola. A nord-ovest del monte Atàviro sorge il monte Acramitis(823 metri) vicino al paese di Monòlitos.

storia e geografia dell'isola di Rodi

photo credits Mpoke Christos

* I NOSTRI CONTATTI *

       



A nord-est sorgono le montagne Periòli, Leucòpagos, quest’ultimo con il convento della Madonna di Calòpetra in cima, costruito attorno al 1782. Cùmulli e il monte Paradisi, come il paese omonimo, traggono il nome dagli splendidi giardini, orgoglio dei banchieri fiorentini dell’era dei Cavalieri. Il monte Filerimos, ha preso il nome da un gentiluomo del medio evo, con in cima l’acropoli di Ialisò, nota per il tempo di Athena Poliade.

Clicca qui per ammirare la Galleria più grande del web di foto di Rodi in Grecia www.cosafarearodi.com

L’acropoli di Rodi

Infine la collina dell’acropoli antica di Rodi con i templi di Giove Poliè e di Athena Poliade, l’odierno monte Smith oppure il medievale Santo Stefano, dal nome della chiesa bizantina che esisteva fino al XIX secolo. Rodi deve alla sua latitudine tutti i privilegi del clima mediterraneo: inverno mite con abbondanti piogge ed estate fresca grazie alle brezze marine e ai venti settentrionali forti, caratteristica delle isole del mar Egeo.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Il clima dolce, la terra fertile e le acque abbondanti di fonti bellissime come quella della Ninfa Koskinistì e Tragoùdi (canto) sul monte del profeta Elia e sul monte Periòli, fanno di Rodi una vera isola di smeraldo, una delle più fertili del mare Egeo, dalle vaste selve, il cui legname andava alla volta dei cantieri navali di Costantinopoli, dalla ricca agricoltura e dall’infinità di fiori.

IN ANTICHITA’

L’isola era abitata già nel Neolitico, anche se rimangono poche tracce di questa cultura. Nel XVI secolo a.C. i Miceneiraggiunsero Rodi, e più tardi la mitologia greca farà riferimento alla stirpe dei Telchini di Rodi, associandoli a Danao, che era soprannominato Telchinis.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Invasa dagli Achei nel XV secolo a.C., l’isola conobbe un periodo di sviluppo nell’XI secolo a.C., con l’arrivo dei Dori che costruirono le tre importanti città di Lindo, Ialiso e Camiro, che insieme a Cos, Cnido e Alicarnasso (queste ultime sulla costa dell’Asia minore) dettero vita alla Esapoli dorica.

Clicca qui per le migliori Escursioni a Rodi in Grecia ,informati su cosa vedere e PRENOTA CON UN CLICK      www.cosafarearodi.com

Nelle Olimpiche di Pindaro si narrava che l’isola fosse nata dall’unione di Helios, dio del sole, con la ninfa oceanina Rodi (Rodo, Roda o Rode) e le città presero i nomi dei loro tre figli.

storia e geografia dell'isola di Rodi

Come testimoniato dai grandi santuari di Lindo e Camiro, nel VII secolo a.C. Rodi divenne uno dei punti cardine del commercio mediterraneo.Dopo che Atene sconfisse gli invasori Persiani nel 478 a.C., le tre città aderirono alla Lega ateniese.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Allo scoppio dellaguerra del Peloponneso nel 431 a.C., Rodi si mantenne neutrale pur facendo parte della Lega. La guerra terminò nel 404 a.C., con Rodi che decise di mantenere la non belligeranza per tutta la durata delle ostilità.

La guerra del peloponneso

Nel 408 a.C. le tre città si unirono per formare un’unica unità politica: si costruì perciò una nuova capitale nella parte settentrionale dell’isola, la città di Rodi, i cui lavori di costruzione furono condotti dall’architetto ateniese Ippodamo. Il generale indebolimento della Grecia in seguito alla guerra del Peloponneso fece sì che l’isola fosse prima conquistata da Mausolo di Alicarnasso, poi dai Persiani nel 340 a.C., infine da Alessandro Magno nel 322 a.C.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Dopo la morte di Alessandro, tre dei suoi generali (Tolomeo, Seleuco e Antigono) si divisero l’impero: Rodi strinse forti legami culturali e commerciali con i Tolomei di Alessandria per formare così la lega rodo-egiziana che controllò i traffici commerciali nell’Egeo per tutto il III secolo a.C.


* I NOSTRI CONTATTI *

       


storia e geografia dell'isola di Rodi storia e geografia dell'isola di Rodi


Le varie scuole di filosofia

La città divenne un centro marittimo, commerciale e culturale di grande importanza la cui moneta circolava per tutto il Mediterraneo. Le sue famose scuole di filosofia, scienza,letteratura e retorica rivaleggiavano con quelle di Alessandria. Fra i più importanti esponenti di questo grande momento di sviluppo vi furono il maestro di retorica Eschine,Apollonio di Rodi, gli astronomi Ipparco e Gemino, il filologo e grammatico Dionisio Trace. La scuola di scultura dell’isola sviluppò uno stile drammatico e ricco noto come “barocco ellenistico”.

storia e geografia dell'isola di Rodi Nel 305 a.C., il figlio di Antigono assediò Rodi al fine di rompere l’alleanza. Dopo un anno, nel 304 a.C., si arrivò a un accordo di pace e l’assedio fu tolto: gli abitanti dell’isola decisero di vendere gli equipaggiamenti abbandonati dagli assedianti per poter così erigere una statua al dio Helios, statua conosciuta come il Colosso di Rodi. Tra il 205 e il 200 a.C., invece, fu Filippo V di Macedonia a tentare di conquistarla, ma invano.

Clicca qui per I migliori Ristoranti di Rodi in Grecia, dove mangiare bene e  risparmiare, taverne tipiche greche o  ristoranti Italiani da noi conisigliati. risparmia e PRENOTA CON UN CLICK www.cosafarearodi.com

L’alleanza con Roma

Nel 227 a.C. Rodi fu colpita da un rovinoso terremoto.Ciononostante l’isola, sostenuta dagli aiuti provenienti dal mondo greco, continuò nella propria politica marittima. Questa la rese una tra le prime potenze in questo settore nel Mediterraneo, insieme a Cartagine. Nel 164 a.C. Rodi stipulò un trattato con Roma. Nell’isola giungevano i figli delle nobili famiglie romane per seguire le lezioni dei maestri di retorica, fra i quali Ermàgora di Temno(II secolo a.C.), autore tra l’altro, secondo Suida, di una Ars rhetorica (che peraltro non va affatto identificata tout-court con la Rhetorica ad Herennium, opera fino al XVI secoloattribuita a Cicerone e dalla critica successiva ascritta invece, sulla fede di Quintiliano, al retore latino Cornificio del I secolo a.C.).

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Inizialmente Rodi fu un’importante alleata di Roma, ma finì poi col perdere i privilegi acquisiti, tant’è che venne saccheggiata da Cassio. Mantenne tuttavia una grande importanza commerciale. Significativo è il fatto che il provvedimento fondamentale dell’antico diritto marittimo abbia preso il nome di lex rhodia de jactu.

storia e geografia dell'isola di Rodi

Nel I secolo d.C. l’imperatore Tiberio trascorse a Rodi 8 anni, fra ritiro volontario ed esilio. Cristianizzata da San Paolo, dopo la caduta dell’Impero romano d’Occidenteappartenne per dieci secoli all’impero bizantino. Ciononostante, venne più volte occupata: dagli arabi guidati da Mu’awiya ibn Abi Sufyan nel 672. Durante la prima crociata venne ripresa da Alessio I Comneno.

Il periodo del medioevo

Nel 1309 l’isola passò sotto il controllo dei Cavalieri Ospitalieri che furono perciò noti come Cavalieri di Rodi. La città fu ricostruita come un modello ideale di città medievale europea. Di questo periodo rimangono molti monumenti famosi fra cui il palazzo del Gran Maestro. Le possenti mura costruite dai cavalieri permisero all’isola di resistere agli attacchi del sultano dell’Egitto nel 1444 e di Maometto II nel 1480.

Old town view 1 storia e geografia dell'isola di Rodi

Tuttavia, nel dicembre del 1522 Rodi non poté resistere al grande esercito di Solimano il Magnifico. Ai pochi cavalieri rimasti fu concesso di ritirarsi a Malta, mentre l’isola restò sotto il dominio ottomano per quasi quattro secoli.

Clicca qui per Club – Disco ed tutti gli eventi disponibili per l’estate 2020 sull’isola di Rodi in Grecia www.cosafarearodi.com   feste in piscina, feste in spiaggia nightlife movida di Rodi e Faliraki.

Il periodo Italiano

Annessa de facto già dal 1912 durante la guerra italo-turca, l’isola venne assegnata all’Italia con i trattati che posero fine alla guerra Italo-Turca insieme alle altre isole dell’arcipelago del Dodecaneso. La città di Rodi costituì il capoluogo di una provincia la cui sigla automobilistica era RD. Nel 1923 la provincia di Rodi fu affidata a Mario Lago che riuscì a far convivere pacificamente le diverse etnie dell’isola.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Restauro’ numerose opere monumentali, e costrui’ infrastrutture e edifici pubblici (strade, scuole, ospedali, etc.). A questa attività prese parte in particolare l’architetto Natale Sardelli. Durante tale periodo la cerva della porta marittima dell’isola venne sostituita dalla lupa capitolina; dopo la fine del dominio italiano fu ripristinata la statua originaria. Nel 1936 fu nominato nuovo governatore De Vecchi.


* I NOSTRI CONTATTI *

       


storia e geografia dell'isola di Rodi storia e geografia dell'isola di Rodi


La seconda guerra mondiale

Allo scoppio della seconda guerra mondiale e all’entrata dell’Italia nel conflitto, anche l’isola fu teatro di scontri bellici I più violenti dei quali si verificarono nell’autunno del 1943. In seguito alla caduta del governo fascista e alla proclamazione dell’armistizio  governo italiano e le forze alleate anglo-americane.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Clicca qui per info su Cosa mangiare in Grecia a Rodi? cibo greco e ottime taverne, dove mangiare a Rodi  www.cosafarearodi.com

Iniziarono i combattimenti fra le truppe tedesche del generale Kleeman e quelle italiane (guidate dal governatore Campioni e dall’ammiraglio Mascherpa). Gli aspri scontri nell’isola di Rodi videro dopo qualche settimana la resa delle forze italiane sopraffatte dai tedeschi. Col controllo da parte di questi ultimi dell’intero Dodecaneso fino alla fine della guerra. Nel 1947, a seguito dei trattati di Parigi, l’Italia fu costretta a cedere il Dodecaneso alla Grecia, come riparazione per la guerra del 1940-1941.


La comunità ebraica

Per secoli l’isola di Rodi ebbe un’importante comunità ebraica. Durante la seconda guerra mondiale, fino all’estate del 1943 Rodi rimase sotto il controllo del governo italiano. Pur avendo emanato nel 1938 le leggi razziali, non mise in pratica nessun atto violento verso la comunità ebraica. Non venne pertanto deportato nessuno nonostante le incessanti pressioni tedesche.

storia e geografia dell'isola di Rodi

LA CADUTA DEL GOVERNO FASCISTA

In seguito alla caduta del governo fascista e all’armistizio stipulato dall’Italia con gli Alleati, le forze naziste occuparono l’isola. Bombardarono l’aeroporto e poi fecero strage di oltre 15.000 soldati italiani dell’isola. Fucilandoli in campagna o ammassandoli  su carcasse di navi,  per poi bombardarle e silurarle al largo della costa. Nel 1944, i tedeschi procedettero all’arresto ed alla deportazione degli Ebrei, che ormai non potevano più godere della protezione italiana.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Alla fine del conflitto, dei pochi superstiti allo sterminio nei lager nazisti, solo alcuni decisero di far ritorno nell’isola. Costoro aprirono, in memoria, un importante museo chiamato “Museo degli Ebrei di Rodi”. Il più noto tra i superstiti è Samuele Modiano (detto “Sami”).

La tragedia del piroscafo Oria

L’11 febbraio del 1944 il piroscafo Oria, costruito nel 1920 e requisito dai tedeschi, salpò da Rodi diretto in Pireo, Con a bordo oltre 4000 soldati italiani, prigionieri che si erano rifiutati di aderire alla Repubblica Sociale Italiana. Il 12 febbraio, colto da una tempesta, il piroscafo affondò presso Capo Sunio, a 25 miglia dalla destinazione finale, dopo essersi incagliato nei bassi fondali prospicienti l’isola diPatroclo.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

I soccorsi difficili per il maltempo e il sovraffollamento permisero il salvataggio solo di 37 italiani, 6 tedeschi, un greco e 5 membri norvegesi dell’equipaggio, tra cui il comandanteBearne Rasmussen.Nel 1955 il relitto fu smembrato dai palombari greci per recuperare il ferro. I cadaveri di circa 250 naufraghi, trascinati sulla costa dalla tempesta e sepolti in fosse comuni. Furono traslati, in seguito, nei piccoli cimiteri della costa pugliese e, successivamente, nel Sacrario dei caduti d’Oltremare di Bari. I resti di tutti gli altri sono ancora in fondo al mare. Tra i pochi sopravvissuti il segretario del Partito Comunista Italiano Alessandro Natta, fatto prigioniero a Rodi, in difesa dell’aeroporto di Gadurrà.

storia e geografia dell'isola di RodiStoria e Geografia dell’isola di Rodi

Bibliografia
Anthony Lutrell, The town of Rhodes (1306-1356), Rodi 2003.

Vassilia Petsa-Tzounakou, Rodi la città dei Cavalieri, Bonechi, Firenze 1996


per storia e geografia dell’isola di Rodi

* I NOSTRI CONTATTI *

       


SHARE
SHARE
Loading...
Translate »
WhatsApp Scrivici in WhatsApp